2000 – 2012

Il gioco del volo dell’oca – Ulassai, 2002

LA FILASTROCCA DEL VOLO DEL GIOCO DELL’OCA
Il guscio dell’uovo si rompe da dentro
quando il pulcino comincia a bussare.
Bussa il pulcino che vuole passare
dal guscio dell’uovo al guscio del mondo
Passi passetti l’oca giuliva
cerca soltanto dove beccare
Quando a un pantano di fango e di cielo
vede riflessa un’ombra volare
L’oca si volta cercando quel volo
nell’arco lontano di un arcobaleno,
sembra la fuga di un prigioniero
che vola libero cercando il cielo.
L’oca rapita dal sogno del volo
prova a volare ma batte nel suolo.
Batte e ribatte prova e riprova
le viene vicino un burattino
Il burattino era briccone
Sognava di essere un bravo bambino
Dentro la favola del burattino
c’è la fatina dal velo turchino
Col burattino l’oca smarrita
entra nel gioco della magia
Al sogno dell’oca che vuole volare
sorride la fata dal velo turchino
Batte sul guscio del sogno proibito
E libera l’oca nell’infinito

 

 

 

Quanti mari navigare. Tiscali campus. Tecnica mista, 2003

 

 

 

 La lavagna. Ulassai, 2003

[cml_media_alt id='258']La Lavagna, Ulassai 2003[/cml_media_alt]
La Lavagna, Ulassai 2003

 

 

Il muro del groviglio. Ulassai, 2004

[cml_media_alt id='491']Maria-Lai-Il-muro-del-groviglio-Maria-Lai-2004[/cml_media_alt]

 

 

Libretti Murati. Ulassai, 2004

 

 

 

  Invito a tavola. Tecnica mista, 2004. Foto di Gianni Polinas

 

Tra fili e pensieri. Casa dello stilista Antonio Marras, 2004

 

 

 

La casa delle inquietudini. Ulassai, 2005

 

 

 

Pastorello con capretta – Ulassai, 2005

[cml_media_alt id='241']Pastorello mattiniero con capretta, Ulassai 2005[/cml_media_alt]
Pastorello mattiniero con capretta, Ulassai 2005

 

Stazione dell’Arte, Ulassai, 2006.

L’8 luglio 2006 viene inaugurato nei vecchi caseggiati dell’ex stazione di Ulassai il Museo di Arte Contemporanea, la Stazione dell’arte, con la donazione di circa 140 opere da parte dell’artista, fra le più significative del suo percorso.

 

 

 

Presa per mano da Garcia Lorca. Biblioteca Comunale di Carbonia, 2006

Maria Lai lavora insieme all’artista Alberto Spada

[cml_media_alt id='1502']Biblioteca Comunale di Carbonia, Maria Lai lavora insieme all'artista Alberto Spada[/cml_media_alt]

 

 

 

 

Fiabe intrecciate. Ulassai, 2007

 

 

 

 

Via Crucis. Cardedu, 2008

Articolo di Carmelino Pitzolu

 

 

 

Le 5 S. Pirri, ex vetreria, 2008

[cml_media_alt id='1581']pirri1999[/cml_media_alt]

 

 

 

La cattura dell’ala di vento. Ulassai, 2009

 

 

 

 Essere è tessere – Aggius, 2009

Foto di Rosi Giua

 

 

 

CUCIRE E RICUCIRE SUL DIRITTO E SUL ROVESCIO
Cagliari, 4 Marzo 2010 – Aula Magna Facoltà di Giurisprudenza

Questo lavoro è indifferente al tempo. Distrutto potrà essere rifatto come è adesso. Questo non lo farà indifferente al deperimento dell’uso, ma farà dell’ uso, della sua vita vissuta e toccata la ragione dell’ essere li, perennemente nuovo, nella sua perenne identica verità. Per ciò non temete di toccarlo, di marcarlo, di rovinarlo. Non può essere rovinato perché sarà subito rinato. Questo lavoro non è un quadro, non è un affresco: è puro segno, pura forma, puro concetto, che poche parole possono rendere eterno. Potresti dire che l’ anima di questo lavoro abita proprio dove non c’è tempo. Non c’è distruzione, dove c’è eterna ricostruzione. Cambiano gli occhi di chi lo vede, ma la sua anima, la sua essenza (del lavoro) sarà sempre lì, percepibile nella sua forma.

Guido Strazza
Cagliari, 9 Luglio 2009

 

 

 

Orme di leggi. Roma, Palazzo Montecitorio, 2011

 

 

 

Omaggio a Grazia Deledda. Nuoro, 2012